Vuoi comprare casa? Leggi i nostri consigli!



Il momento dell’acquisto di una casa è importante per tutti ma può essere fonte di notevole stress, perché se è acquistare casa è un sogno, è altrettanto complicato e difficile. Si parte dalla ricerca, che può essere lunga e stancante, e si arriva alla parte burocratica come la richiesta di un mutuo o al rogito notarile vero e proprio. Tutto questo vi spaventa? Tranquilli, basta seguire alcune semplici regole per non impazzire.

Sai cosa cerchi?

Un errore comune di chi cerca casa è di non fermarsi prima a ragionare su cosa sta cercando. Quale tipologia di immobile vi interessa? Preferite una villetta o siete alla ricerca di un monolocale? Volete un piano alto o un piano basso? Preferite avere un giardino o ti basta un terrazzino? Cercate una casa indipendente o volete un appartamento in un condominio? Farsi queste domande prima di iniziare a selezionare gli annunci è importante per non disperdere preziose energie quando si effettua la ricerca!

Sai dove cerchi?

Dopo aver scelto la tipologia di immobile, è il momento di pensare alla zona. In città piccole sarà possibile effettuare la ricerca per comune o addirittura per comune e provincia, ma in città grandi sarà necessario condurre la ricerca per zone o per quartieri. Facciamo due esempi: Lucca e Roma. La prima è una cittadina di medie dimensioni, con un’offerta di immobili tutto sommato limitata. Se prendiamo come esempio il sito Casacountdown.it e diamo un’occhiata alle case a Lucca in vendita sul sito, vediamo come il numero resti tutto sommato limitato. Ora proviamo a fare la stessa ricerca per Roma: il risultato è completamente differente! Questo implica che a Roma dovremo necessariamente limitare la ricerca a una singola zona o al massimo ad un paio di zone.
Per non rischiare di impazzire guardando centinaia e centinaia di annunci che in realtà non ci interessano, circoscrivere la zona della ricerca è una vera necessità!

Sai cosa guardare?

Quando visitate una casa avete pochissimi minuti a disposizione per farvi un’idea di un immobile. Le cose importanti da verificare sono: la presenza di luce e l’esposizione, lo stato degli impianti e la realizzazione a norma, la data dell’ultima ristrutturazione, lo stato di infissi e porte, la qualità dei materiali utilizzati per pavimenti, mattonelle e sanitari. Altra cosa molto importante è la metratura calpestabile, che è diversa da quella commerciale. I metri quadri commerciali di una casa includono le pareti e una percentuale degli eventuali spazi esterni. Attenzione perché gli annunci immobiliari di solito dichiarano i metri quadri commerciali e non quelli calpestabili, che sono quelli che rendono una casa vivibile e sfruttabile al 100%!

Sai cosa c’è nei dintorni?

Importante come la casa è il contesto in cui si trova. Prima di scegliere una casa verificate se nei dintorni ci sono servizi come poste, banche, negozi, scuole o fermate dei mezzi di trasporto pubblici. La rumorosità è un altro fattore da tenere in considerazione: dovete valutare se la zona è silenziosa o rumorosa per la presenza di locali, ferrovie, strade trafficate. A seconda dei vostri bisogni e desideri, scegliete il contesto in cui volete abitare.

Le fasi dell’acquisto

Se la casa soddisfa le vostre aspettative, si può procedere con l’acquisto vero e proprio. L’iter di acquisto segue solitamente questo corso: per prima cosa, bisogna prendere accordi con le banche per ottenere il mutuo e valutare realisticamente il budget a disposizione.
La seconda cosa da fare è gestire la trattativa. Se state comprando casa attraverso un’agenzia immobiliare, dovrete affidare la vostra offerta all’agente, che a sua volta la presenterà al venditore. Di solito gli agenti immobiliari chiedono a garanzia un assegno con una piccola somma, che diventerà parte dell’anticipo se il venditore accetterà l’offerta o verrà immediatamente restituito se il venditore rifiuterà.
Quando le due parti hanno trovato un accordo sul prezzo, si fa un compromesso, una scrittura privata e vincolante con cui venditore ed acquirente prendono accordi sui tempi di vendita e sulla somma da versare come anticipo. A garanzia, il venditore si impegna di solito a restituire il doppio della cifra qualora cambiasse idea sulla vendita della casa.
Infine, una volta che il mutuo è pronto, si procede al rogito vero e proprio in presenza di un notaio, che mette la propria firma sull’atto di compravendita sancendo ufficialmente il passaggio di proprietà.
mouse